Cardiologia preventiva

La cardiologia è una branca della medicina che si occupa dello studio, della diagnosi e della cura (farmacologica e/o invasiva) delle malattie cardiovascolari acquisite o congenite. La cardiologia è una disciplina che negli anni più recenti si è molto evoluta e al suo interno si sono sviluppate specialità come l’emodinamica e l’elettrofisiologia. Chi si occupa di tale branca della medicina, come medico specialista, viene chiamato cardiologo. Oltre che della cura delle malattie cardiovascolari, scompenso cardiaco, anomalie del ritmo, il cardiologo si occupa della prevenzione cardiovascolare e della riabilitazione del paziente sottoposto ad intervento di rivascolarizzazione sia esso cardiochirurgico, che di angioplastica percutanea. Le malattie cardiovascolari sono ancora la prima causa di morte al mondo (50% del totale dei paesi sviluppati e 25% nei paesi in via di sviluppo), fra le malattie cardiache più diffuse ritroviamo l’angina stabile e insatbile e l’infarto del miocardio, la cardiopatia ipertensiva (conseguente alla pressione alta), le malattie delle valvole cardiache, le malattie del ritmo e in particolare la fibrillazione atriale.




Consulenze di cardiologia preventiva

  • •   A cosa serve la visita di cardiologia preventiva?
  • •  A chi è dedicata la visita di cardiologia preventiva?
  • •  Quali sono le malattie che vogliamo evitare con questo approccio?
  • •  Con quale metodo finora si valutava la probabilità di ammalare di malattie della circolazione?
  • •  Per quale motivo non è sufficiente quanto fatto finora?
  • •  Cosa possiamo dire sull’incapacità di valutare adeguatamnete il rischio?
  • •  Cosa dobbiamo fare allora per migliorare la valutazione del rischio?
  • •  Esistono dei segni che permettono capire quali persone sono esposte ad un rischio di malattia più di altre?

A cosa serve la visita di cardiologia preventiva?

La cardiologia preventiva è il vostro tagliando periodico, per capire quanto elevato è il rischio di ammalare nei prossimi anni di malattie del cuore e della circolazione e consente un uso attento, mirato e personalizzato delle misure terapeutiche.